venerdì 1 giugno 2012

Teatro dell'opera (Costanzi) tips

Se volete andare a vedere un'opera al teatro dell'opera di Roma, anche noto come teatro Costanzi, presumo che non possiate andare in altre città (Milano, Napoli, Parma, Venezia, Torino) dove ci sono  pubblici più esigenti e programmazioni più curate e prestigiose.
Anche a Roma può capitare ultimamente di vedere ad esempio un'opera diretta da Muti.

Adesso però vado a dare alcuni consigli sui posti.
Se avete voglia e possibilità di comprare un biglietto che costa tre cifre di euro, scegliete la platea, è dove si vede e sente meglio.
Se avete pochi soldi, invece conviene la galleria. Nel 2012 costa 17 euro per le opere (qualcosa meno per i balletti).
Non tutti i posti sono uguali.
Le file 1,2,3 non sono ostruite da colonne e i posti da 15 a 40 sono sufficientemente centrali.
Le file 4 e 5 hanno alcuni posti da evitare perché hanno una colonna davanti: il 22/23 e 44/45 della fila 4, il 25/26 e il 41/42 della fila 5. A parte questi, i posti da 20 a 45 (anche 50 per la fila 4) sono centrali.
La fila 6 non ha problemi di colonne ma è ancora più in alto. Da 5 a 20 è sufficientemente centrale.

La balconata è subito in basso e costa circa 32 euro per le opere, ma ha un grave problema: in circa un posto ogni tre la visuale è ostruita da colonne sottili (sottili sì, ma sono tra voi e il palco).
Se siete un gruppo di 3 persone e avete posti adiacenti, uno almeno sarà sicuramente disturbato dalla colonna.
Il problema riguarda tutte e tre le file, ad esempio i posti 9, 12, 15, 18 della prima fila. In seconda e terza il posto da evitare è il 16.

Per quanto riguarda i palchi ci sono diversi prezzi a seconda di altezza e posizione. I migliori tendono a costare quasi come la platea, mentre i più economici sono i più alti e laterali. Questi ultimi non sono un cattivo affare, specie se siete i primi ad arrivare nel palco e potete scegliere il posto davanti (nei palchi ci sono sedie e i posti non sono assegnati).

Nessun commento:

Posta un commento